Cambiamenti climatici e biodiversità in pericolo

La frammentazione degli habitat è la principale causa di estinzione di specie animali e vegetali in tutto il mondo.

La frammentazione si verifica quando un grande ecosistema viene trasformato dall'azione dell'uomo in numerosi frammenti più piccoli, spazialmente isolati l'uno dall'altro.

Per perdita di habitat si intende una riduzione dell'area totale di habitat disponibile per la flora e la fauna.

La perdita e la frammentazione degli habitat sono generalmente due fenomeni correlati, che possono verificarsi contemporaneamente, aumentando così gli effetti deleteri sull'ambiente naturale. Come la deforestazione, la perdita di biodiversità è sia una causa che un effetto del cambiamento climatico. cause e conseguenze del riscaldamento globale che ci minaccia.

La razza umana ha una pesante responsabilità 

Questi fenomeni sono legati a un gran numero di attività umane: l'urbanizzazione e l'agricoltura, che comportano una significativa perdita di habitat ma anche un degrado a causa dell'inquinamento che provocano, e la costruzione di infrastrutture che portano alla frammentazione degli habitat (ad esempio, le strade che attraversano le foreste, che rappresentano una barriera per molte specie). Poi ci sono la pesca intensiva, l'acquacoltura, la silvicoltura, il turismo e lo sviluppo industriale, l'estrazione di materiali (come le cave), e naturalmente l'assurdità della caccia... l'elenco delle attività che hanno un impatto è molto lungo.

La frammentazione degli ambienti naturali influisce sulla biodiversità attraverso 4 meccanismi

  1. L'effetto "meccanico" è la distruzione dell'habitat da parte dell'uomo, ad esempio attraverso la deforestazione. Uno degli effetti più rapidi ed evidenti della frammentazione è l'eliminazione delle specie presenti solo nelle parti di paesaggio distrutte. Può anche portare a una perdita immediata di specie endemiche dell'area frammentata. Ciò può essere spiegato con la scomparsa di un certo numero di elementi, a seguito della frammentazione, che erano necessari per il sopravvivenza di queste specie.
  2. Interruzione dei processi di dispersione. Le specie che per il loro sviluppo richiedono un mosaico di habitat (la presenza di più habitat diversi) possono essere portate all'estinzione se una barriera fisica separa un habitat dagli altri. Inoltre, queste specie possono essere minacciate quando la frammentazione porta alla separazione di una grande popolazione in diverse piccole popolazioni che non sono più collegate tra loro e il cui numero non è più sufficiente a formare una popolazione vitale. Queste popolazioni non saranno in grado di sopravvivere a lungo termine a causa del loro basso numero e dell'uniformità genetica che ne deriva, rendendole più sensibili alle condizioni esterne.
  3. Ridotta diversità degli habitat con popolazioni limitate. La diversità degli habitat contribuisce alla diversità delle specie. In alcuni casi, le specie richiedono una diversità di habitat per vivere: un habitat per la nidificazione, un altro per l'alimentazione, un altro ancora per la riproduzione, ecc. Un altro fattore da considerare è la dimensione degli animali. Una specie di grandi dimensioni ha spesso bisogno di più spazio per sopravvivere rispetto a una piccola. Poiché la frammentazione degli ambienti porta alla creazione di diversi piccoli frammenti, l'ambiente diventerà sfavorevole alle specie che hanno bisogno di grandi spazi.
  4. Effetto margine: la proporzione dell'ecosistema rappresentata dal margine aumenta in caso di frammentazione. Le condizioni ecologico L'ecosistema dei margini presenta condizioni specifiche rispetto alla zona centrale: le condizioni di soleggiamento, vento e temperatura variano. Queste diverse condizioni tra il margine e la zona centrale portano alla presenza di flora e fauna diverse. L'habitat iniziale sarà quindi alterato a causa dell'aumento dell'effetto margine, che altererà i modelli locali di diversità e le dinamiche di popolazione. In quest'area sarà quindi presente una nuova gamma di specie, a scapito di quella della zona centrale. Se la zona centrale ospita specie endemiche, la riduzione della superficie dell'habitat potrebbe mettere in pericolo queste popolazioni e causarne l'estinzione.
  Idee per regali a spreco zero per viziare i vostri cari in modo ecologico

Le specie più sensibili sono le prime ad essere colpite dalla frammentazione

Una perdita di habitat porterà quindi a una riduzione della diversità delle specie e a un cambiamento nella composizione delle comunità. Queste specie sono sensibili alla frammentazione:

  • Specie naturalmente rare con una bassa densità di popolazione o una distribuzione geografica limitata.
  • Specie a bassa fecondità o con un ciclo vitale breve.
  • Specie che necessitano di un'ampia area di habitat per garantire la vitalità a lungo termine della loro popolazione.
  • Specie con una bassa capacità di dispersione e che quindi non saranno in grado di raggiungere un habitat non frammentato.
  • Specie che per vivere hanno bisogno di risorse imprevedibilmente presenti.
  • Specie che possono vivere solo nelle aree centrali (e quindi non nelle zone marginali) o specie che saranno vulnerabili ai predatori presenti nelle zone marginali.
  • Specie vulnerabili allo sfruttamento umano.

La frammentazione degli habitat attraverso la creazione di strade può anche favorire lo sfruttamento delle specie, e quindi la loro estinzione, rendendo accessibili all'uomo aree prima inaccessibili.

Condividi questo articolo:
Precedente

L'energia solare: un alleato per il vostro futuro verde

Utilizzate un grossista di parrucchieri online per i vostri mobili

Avanti