Controllare il proprio smartphone al buio può accecare temporaneamente

Siamo tutti consapevoli dei numerosi vantaggi e delle funzioni del nostro amato smartphone, ma sappiamo davvero quali sono i pericoli? Lungi dall'essere un piccolo dispositivo innocuo, gli studi dimostrano regolarmente che il nostro cellulare contiene molti rischi per la salute. Mentre siamo già a conoscenza dei rischi di cancro e sterilità dovuti alle sue onde, delle proprietà di assuefazione che induce e dei numerosi germi che porta con sé, altri effetti nocivi ci sono ancora sconosciuti.

Un articolo pubblicato nel giugno 2016 su New England Journal of Medicine ha evidenziato una nuova conseguenza dannosa dell'uso eccessivo di questo "meraviglioso piccolo strumento high-tech": consultarlo troppo spesso al buio potrebbe portare a una temporanea cecità! Questo avviso non si basa su supposizioni, ma su fatti. Questo articolo medico descrive il caso di due donne che hanno subito una cecità parziale temporanea a causa della consultazione ripetuta dei loro smartphone a letto durante la notte. Gli oftalmologi spiegano i dettagli di questo nuovo incidente domestico.

Un nuovo tipo di incidente domestico facilmente prevenibile

Spetta a Ospedale oculistico di Moorfield di Londra che è stato recentemente tolto il velo sul mistero della cecità parziale e temporanea delle due donne, rispettivamente di 22 e 40 anni.

Quando si sono rivolti alla clinica lamentando episodi ricorrenti di perdita della vista da un occhio, sono stati prima sottoposti a una serie di esami che andavano dalla risonanza magnetica ai test cardiaci. Ma poiché non è stato possibile individuare alcuna malattia o anomalia fisiologica, il dottor Gordon Plant ha avuto l'idea di interrogarli su ciò che facevano prima che si verificassero questi episodi di cecità. Le loro risposte sono state le stesse: prima di perdere temporaneamente la vista, ognuno di loro ha detto di aver passato molto tempo a consultare il proprio smartphone al buio, sdraiato a letto. In particolare, è emerso che entrambi avevano l'abitudine di guardare lo schermo del telefono non solo al buio, ma anche con un solo occhio, l'altro nascosto nel cuscino. La perdita ricorrente della vista da un occhio si è manifestata la mattina successiva. Nel caso della donna più giovane, la cecità temporanea significava che poteva vedere solo i contorni degli oggetti con l'occhio destro, mentre l'occhio sinistro continuava a funzionare normalmente. La seconda donna è rimasta completamente cieca da un occhio fino all'alba. Questi episodi di perdita della vista potevano durare fino a 15 minuti.

Per il dottor Plant, la conclusione era chiara: la colpa era di questo uso inappropriato della funzione visiva. A suo avviso, la cecità delle due donne è stata causata dalla dissociazione dei due occhi per un lungo e ripetuto periodo di tempo. Consultando i loro smartphone al buio e con un solo occhio, l'occhio che guardava lo schermo doveva adattarsi alla luce dello schermo del telefono mentre l'altro occhio, nascosto nel cuscino, si adattava alla completa oscurità. Secondo il ricercatore, è durante la fase di riequilibrio della visione, cioè quando l'occhio sollecitato dallo schermo dello smartphone si stava riadattando alla visione del secondo occhio, che si è verificata la cecità.

L'oculista ha dichiarato che la cecità è innocua e facilmente prevenibile. Per evitare questo nuovo tipo di incidente domestico bastava non usare lo smartphone in questo modo. Ha rimandato a casa le due donne senza alcuna prescrizione specifica, se non quella di assicurarsi di usare entrambi gli occhi quando consultano lo smartphone al buio!

Il dottor Rahul Khurana, portavoce dell'associazioneAccademia Americana di OftalmologiaTuttavia, due casi isolati non potevano dimostrare che la causa della cecità fosse l'uso dello smartphone con un solo occhio al buio. Dubitava persino che molti altri utenti avessero riscontrato questo problema.

Fonte : The Guardian

Condividi questo articolo:
Precedente

I 10 fiori più costosi del mondo

Persiane a battente : Alluminio o PVC?

Avanti

Lascia un commento