Come fare delle buone patatine fritte

Sia che siate fan sfegatati delle patatine, sia che siate tra coloro che si concedono raramente il piacere delle patatine, tutti condividiamo lo stesso desiderio: che siano davvero buone! Eppure pochi ristoranti offrono vere patatine fritte, buone e croccanti. Quindi, se volete riscoprire il gusto autentico della vostra infanzia e condividere queste delizie salate con amici e familiari, fate il grande passo e tuffatevi! le vostre patatine fritte nell'olio! Se cucinate le vostre patatine, otterrete una crosta deliziosa e una polpa morbida. Per farlo, vi sveleremo i 3 segreti che fanno la differenza tra una buona patatina fritta e una cattiva. Poi vi guideremo attraverso il nostro ricetta completa per le patatine fritte. Si può godere di patate dorateQuesti piatti gustosi, preparati con ingredienti sani, vi daranno una sensazione di sazietà e di piacere senza sensi di colpa.

3 segreti per preparare ottime patatine fritte

1. Scegliere la patata giusta

Per ottenere una qualità professionale in casa, la scelta degli ingredienti è fondamentale. La polpa farinosa ha un elevato contenuto di amido. L'amido è responsabile della croccantezza esterna e della tenerezza interna che caratterizzano le buone Chips. L'amido forma una sorta di crosta intorno a ogni patatina, che impedisce all'olio di penetrare all'interno durante la cottura. Le patatine fritte "alla francese" si ottengono quindi al meglio con patate americane o belghe, come ad esempio Patate russe e varietà Bintje.

2. Sciacquare e asciugare

Una volta sbucciate e tagliate con cura, un bagno in acqua fredda seguito da un periodo di asciugatura eviterà che le patatine si attacchino tra loro durante la cottura. È necessario contare, almeno 20 minuti di ammollo in acqua prima di asciugare le patatine.. La spiegazione sta nel fatto che la miscela di acqua e amido contenuta nelle patatine diventa appiccicosa con il calore, quindi è necessario che almeno 20 minuti prima di mettere le patatine crude su una teglia si asciughino tra due panni puliti o fogli di carta da cucina. Non esitate a cambiare l'acqua. Se lo desiderate, potete anche lasciarle nell'acqua per tutta la notte in frigorifero, ma ricordate di lasciarle asciugare completamente.

3. Friggere 2 volte

La cottura è un'altra fase cruciale per il successo delle vostre patatine fritte. Consigliamo l'olio di colza per le sue qualità nutrizionali: contiene infatti acidi grassi ricchi di Omega 3 e 6. Questa parte della ricetta prevede due fasi. Le patatine vengono prima precotte a 150°C e tolte dall'olio per scolarle, prima di essere immerse nell'olio una seconda volta per dorarle a 200°C.. Attendere che l'olio sia caldo prima di immergere le fette. Ogni volta che si estraggono le patatine, farle scolare dall'olio in eccesso mettendole su un tovagliolo di carta. La prima fase di cottura può essere eseguita con 24 ore di anticipo, ma la seconda dovrebbe essere eseguita poco prima del consumo. Per poter servite le patatine ben calde e godetevi la loro croccantezza e il loro sapore..

La ricetta

Le patatine fritte fatte in casa richiedono circa 20 minuti per la preparazione, 2 ore se possibile e 30 minuti per la cottura. Iniziate sbucciando le patate: è buona norma lasciare la buccia per ottenere un appetitoso colore dorato. Tagliate i dischi in verticale, quindi ricavate dei bastoncini da ciascuno di essi. L'uniformità delle patatine rende facile friggerle in modo uniforme. Non dimenticate di immergerle e asciugarle accuratamente. Una volta che l'olio è alla giusta temperatura, cuocere ogni pacchetto per 4 o 5 minuti. Con uno scolapasta, raccogliere le patatine precotte e metterle su carta assorbente. Un secondo bagno d'olio più caldo finirà di farle dorare. Ricordate di aggiungere il sale non appena le togliete dall'olio.

Buon appetito!

Condividi questo articolo:
Precedente

Pareti con muffa: come eliminarla?

Cosa mangiare prima e dopo lo sport?

Avanti

Lascia un commento