Come creare il vostro primo dipinto

Quando decidete di voler dipingere, potreste scontrarvi con il mito che avete bisogno di talento. Non credeteci. Il desiderio di imparare a dipingere, unito all'entusiasmo, è ciò che serve più di ogni altra cosa. Si può imparare a dipingere anche senza essere in grado di disegnare in modo realistico.


Decidere quale vernice utilizzare


Il primo passo è quello di decidere il colore che si intende utilizzare. Le quattro scelte principali sono gli oli (tradizionali o idrosolubili), gli acquerelli, gli acrilici e i pastelli. Si tratta di una scelta molto personale: se un tipo di pittura non vi soddisfa, non esitate a provarne un altro.

La pittura a olio è un mezzo tradizionale per gli artisti. Si tratta di un pigmento mescolato con oli come l'olio di lino, di cartamo o di semi di papavero e diluito con trementina. Deve essere utilizzata su superfici che sono state trattate con un fondo di gesso per proteggere la superficie - che può anche includere la carta - dall'acido contenuto nell'olio. La pittura a olio si asciuga lentamente, il che significa che la pittura può rimanere umida sulla tavolozza e utilizzabile sulla tela per diversi giorni, rendendola facile da mescolare. La pulizia richiede solventi come la trementina o l'acquaragia. Negli ultimi anni sono stati introdotti oli idrosolubili. È sufficiente usare l'acqua per diluire i colori e pulire i pennelli.


La pittura ad acquerello è un altro medium tradizionale e utilizza un pigmento mescolato con un legante composto da gomma arabica e additivi per migliorare la solubilità e la fluidità. È solubile in acqua, trasparente e si presenta sotto forma di tubetto, vaschetta o liquido. L'acquerello può essere riattivato con l'acqua quando è asciutto e rilavorato, anche anni dopo aver finito di dipingere. Le caratteristiche dell'acquerello - la sua praticità, la portabilità e la facilità di pulizia - lo rendono un mezzo molto popolare per le opere finite, ma anche per i quaderni di schizzi e i diari visivi.
La pittura acrilica è una scelta più moderna: è stata commercializzata per gli artisti solo negli anni Cinquanta. Nelle vernici acriliche, il pigmento è sospeso in un polimero plastico. Si distingue soprattutto per i suoi tempi di asciugatura rapidi e può essere utilizzata su quasi tutte le superfici, senza bisogno di un primer. È solubile in acqua, il che rende molto più facile la pulizia (bastano acqua e sapone). L'acrilico si asciuga in una superficie durevole, flessibile e resistente all'acqua. È molto versatile e può essere utilizzato in strati sottili come gli acquerelli o in strati più spessi come i colori a olio, a seconda dell'effetto desiderato.

  Come posso trovare il miglior casinò online con i migliori bonus?

Come pittori di pastelli in erba, probabilmente svilupperete le vostre marche preferite, ma nel frattempo, alcune si distinguono o meritano almeno di essere provate. I pastelli Unison di John Hersey, realizzati a mano, sono perfetti per i principianti. Con quasi 400 pastelli diversi, venduti singolarmente o in set coordinati, si possono aggiungere colori man mano che se ne ha bisogno. Schmincke produce i pastelli più morbidi sul mercato: con una consistenza quasi burrosa, scivolano sulla superficie della carta, anche su aree già molto lavorate. I pastelli morbidi Rembrandt sono eccellenti per il lavoro sulle linee e per le prime stratificazioni di colore: sono probabilmente i migliori pastelli per iniziare un dipinto.

Imparare a mescolare i colori

I principianti hanno spesso paura dei colori e della loro miscelazione (soprattutto quando si parla di "teoria del colore"), ma le basi della miscelazione dei colori non sono particolarmente complicate. Il colore e i pigmenti offrono così tante possibilità e sfumature che un artista potrebbe passare una vita intera a esplorare il colore, la teoria del colore e la miscelazione dei colori. In effetti, la miscelazione dei colori è un argomento che spesso travolge i principianti perché può essere complicato, ma la miscelazione dei colori può anche essere ridotta ad alcuni consigli di base

Quindi accettate la sfida, imparate e presto riuscirete a mescolare le giuste tonalità, i toni e le sfumature. E se non volete sprecare la vernice buttandola via, usatela con il bianco per realizzare un dipinto monocromatico o un esercizio di valore. Valore è un altro termine per indicare il tono, che si riferisce alla chiarezza o all'intensità dei colori. Un esercizio sul valore consiste quindi nel lavorare per creare toni più chiari o più scuri nel vostro dipinto.

  Dove posso trovare un casinò online che paga velocemente?

Le fasi di creazione di un dipinto

Le fasi di creazione di un dipinto variano da artista ad artista e si sviluppano nel tempo. Molti artisti eseguono un leggero schizzo della composizione su una tela, quindi tracciano le principali aree di colore sulla tela. Si può iniziare con le forme più grandi e passare a quelle più piccole, lavorando gradualmente sui dettagli. Alcuni artisti lavorano a strati, mentre altri lavorano alla prima (tutto in una volta) per finire il dipinto in una sola seduta. Gli artisti spesso realizzano studi (piccole versioni) o diversi schizzi per un dipinto. Non c'è un approccio giusto o sbagliato; alla fine dovete trovare quello che funziona meglio per voi.

Condividi questo articolo:
Precedente

Perché i parchi a tema hanno sempre un tale successo?

Come si sblocca lo scarico?

Avanti

Lascia un commento