Presentazione di Kevin Rivaton, presidente e fondatore di Christal Crédit

Gli occhi blu scintillanti di Kevin Rivaton è molto conosciuto nel mondo degli affari. Oltre a essere il presidente fondatore del gruppo Cristal Credit, è anche il presidente del Club Pays Entreprises. È alla guida di questa rete professionale dal 2017, dopo un'elezione in cui tutti i membri gli hanno dato il loro voto.

Gli inizi di Rivaton

Al termine degli studi universitari per diventare avvocato, il futuro uomo forte di Cristal Credit lavora per un'azienda specializzata in incassi bancari. A metà degli anni '90 decide di creare il predecessore di Cristal Credit, AC.REF. Il gruppo opera nei settori del credit reporting e della business intelligence. Il successo del gruppo è dovuto alla lunga esperienza maturata durante il suo insediamento negli Stati Uniti. Questo esodo gli ha permesso di collaborare con esperti di diverse nazionalità.

La presenza di Cristal Credit sulla scena internazionale

Ambizioso, ha lavorato duramente per consentire alle società del gruppo Cristal Credit di avere una presenza significativa in diversi Paesi di 4 continenti. A tal fine, molti Paesi dell'America Latina hanno beneficiato della consulenza di Kevin Rivaton.

L'intéressé, attraverso il suo gruppo, è un riferimento globale per le aziende che desiderano rendere efficace la loro strategia di sviluppo. A tal fine, il gruppo mette a loro disposizione i propri servizi e le proprie competenze. Grazie alla sua reputazione, il leader ha conquistato molti attori nel suo settore di attività. Tra questi, investitori pubblico-privati, avvocati rinomati e diverse istituzioni finanziarie. Non sorprende quindi che sia riuscito a integrare il suo gruppo in una delle organizzazioni più rinomate al mondo. professionisti degli uffici di credito del vecchio continente, ovvero FEBIS.

  Quali sono i modi migliori per curare la mamma?

Servizi di credito Cristal

Per soddisfare le esigenze dei suoi clienti, il presidente fondatore del gruppo fornisce loro un'intera gamma di servizi. Di fronte ai vari attacchi alla sua persona e al suo gruppo, l'amministratore delegato ha voluto rassicurare l'opinione pubblica. Nel suo ultimo discorso, ha chiarito di non essere un esperto di spionaggio e tanto meno del gruppo che guida. Qualsiasi azione intrapresa dalla sua azienda è conforme alla legislazione di ogni Paese in cui opera. Difende il fatto che la sua azienda offre intelligence attraverso vari documenti. A questi si aggiungono le informazioni ottenute dalle loro fonti, la cui identità è tenuta segreta.

Il desiderio di Rivaton di sviluppare ulteriormente il suo gruppo

Kevin Rivaton lavora con un numero ridotto di collaboratori, in quanto privilegia la qualità e la competenza del personale rispetto a un numero elevato di subordinati non necessariamente competenti. Il suo staff comprende ex banchieri e ispettori finanziari multilingue e padroni del loro campo. Presente in molti Paesi europei, tra cui la Francia, e in America, Rivaton ha l'ambizione di affrontare il mercato del continente africano. L'obiettivo è quello di far prosperare il suo gruppo in tutto il mondo e di essere un attore chiave nel settore dell'intelligence economica e delle indagini finanziarie.

Condividi questo articolo:
Precedente

Qual è la differenza tra un test di paternità e un test di parentela?

Criteri per la scelta del miglior catering

Avanti

Lascia un commento