Trasferirsi all'estero: cosa fare con i propri effetti personali

Scegliere di trasferirsi all'estero è sicuramente un'avventura emozionante e imprevedibile. Se state progettando di trasferirvi all'estero, dovrete pianificare meticolosamente per anticipare qualsiasi evento improvviso. Inoltre, pianificare tutto in anticipo vi consentirà di ambientarvi nel Paese di destinazione in tutta tranquillità.

Cosa devo fare con la mia vecchia casa?

Quando il trasferimento diventa una certezza e si va a vivere all'estero per qualche mese, diventa necessario mettere in ordine alcune cose, in particolare la casa attuale.

Se siete proprietari di una casa o di un appartamento, avete due possibilità: vendere l'immobile prima di trasferirvi o affittarlo. Per prendere questa decisione, dovrete considerare una serie di fattori. Ad esempio, se il mercato è favorevole nel momento in cui decidete di vendere, i vostri piani futuri e così via. Se decidete di vendere il vostro immobile, considerate anche il tempo necessario per trovare un acquirente e completare le pratiche burocratiche.

Se siete inquilini, è assolutamente necessario che rispettiate il periodo di preavviso. Il periodo di preavviso dipende in genere da una serie di criteri, tra cui il fatto che vi stiate trasferendo per un nuovo lavoro e che l'immobile sia arredato o non arredato. Non dimenticate quindi di dare al locatore un preavviso di due o tre mesi per la vostra partenza.

Trasporto degli effetti personali

Quando si tratta di traslocare, che sia semplicemente da una casa all'altra o a livello internazionale, il volume, il peso e la scelta del mezzo di trasporto per i vostri effetti personali sono punti essenziali da considerare. Naturalmente, il volume degli oggetti da portare con sé dipenderà dalla distanza geografica del paese di destinazione, dal clima e dalla durata prevista del soggiorno.

  Criteri per la scelta del miglior catering

In generale, è meglio ricorrere ai servizi di traslocatori specializzati. Questi saranno in grado di preparare i vostri beni e di imballarli correttamente per eliminare il rischio di rotture o perdite. Questi specialisti conoscono anche le norme doganali di ogni Paese e possono quindi aiutarvi con le tasse da pagare e le procedure da seguire. Prima di redigere il preventivo, i traslocatori devono conoscere la vostra destinazione e visitare la vostra casa per individuare gli oggetti fragili che richiedono un imballaggio speciale e per calcolare il volume dei mobili.

Per quanto riguarda le soluzioni di trasporto, queste possono avvenire tramite camion, nave o aereo. I tempi e i costi di questa procedura variano generalmente a seconda della soluzione scelta.

Quali oggetti e mobili devo portare con me?

La scelta di mobili che porterete con voi in questo progetto è un fattore molto importante. Inoltre, è fondamentale fare una cernita dei vostri effetti personali per mettere in ordine le cose di cui avete bisogno.

Se state traslocando da soli, ricordate di portare con voi solo il minimo indispensabile, soprattutto gli oggetti di piccole dimensioni. vendi i tuoi vestiti in eccesso... I vecchi mobili possono essere lasciati nella casa attuale se si decide di venderla. affittovenduti o conservati in un deposito di mobili.

Se decidete di avvalervi di una ditta di traslochi professionale, ricordate di dare priorità al trasporto di oggetti e mobili di valore e fragili. 

  Assicurazione immobiliare: cosa c'è in gioco?

Non dimenticate di mettere da parte i documenti e tutto ciò che potrebbe servirvi durante il trasloco, durante lo smistamento delle vostre cose. Inoltre, una volta preparate e caricate le scatole, sarà impossibile riaprirle. 

Condividi questo articolo:
Precedente

Come spostare i mobili dell'ufficio

Tutti i motivi per aprire un'attività in questo momento storico

Avanti

Lascia un commento